Numero a portare fortuna 44668

Ci sono 2 modi per giocare: il modo corretto e il modo sbagliato. Una storia incredibile con un lieto fine. In pratica un giocatore di poker, che si stava dirigendo in Taxi al Rio, casa delle WSOP, paga la corsa e scende dal mezzo. Peccato che sul sedie posteriore, il player in questione, abbia dimenticato una mazzetta da 7 mila dollari. Una svista clamorosa, ma che ha un risvolto positivo.

Giocare A Poker Al Casino

Scopri la biografia di Phil Ivey! Il giocatore di poker che vedete nella foto ha la faccia di un vivace ragazzino che sembra seguire una partita di tennis, con gli occhi sempre in movimento a destra e sinistra. Questo ragazzino si chiama Phil Ivey ed è un temibile eroe di tornei di poker, altamente ossequiato nei cash-games e, probabilmente, uno dei migliori giocatori in circolazione in autoritario. Phil Ivey è passato da individuo un giocatore rispettato e abbastanza affermato negli ambienti del poker a un giocatore temuto e di fama cosmopolita che ne raccoglie i vantaggi come al tavolo da poker che nella vita reale. E tutto meritatamente.

Altre frasi belle

Va bene essere distratti, ma a volte si supera il limite. Una deconcentrazione che stava per costare 7. Il player in questione si è costruito portare in Taxi al Rio. E a quanto pare, oltre ad averlo dimenticato, il giocatore non si nemmeno reso conto della svista. Sembrano sviste quasi grottesche eppure la storia delle WSOP è ricca di questi fatti. In uno di questi, è ceto protagonista suo malgrado Carlo Savinelli. Il personale del bar, fu onestissimo nel mettere da parte la cifra e attendere il ritorno affannato del nostro alfiere, che pochi minuti dopo epoca alla ricerca del denaro perduto. La leggenda narra poi, di una valigetta di un facoltoso uomo di affari, lasciata nei bagni del Rio, insieme mezzo milione di dollari dentro.

L'avventura alle WSOP che gli ha cambiato la vita

Non ancora registrato? Sperando in un full d'assi. Il servizio è gratuito. Toggle navigation Sezioni. E-mail OK. A poker non giochi con le carte affinché hai in mano, ma con la persona che hai di fronte.